la Villa Reale è anche mia la Villa Reale è anche mia home       facciamo due conti       archivio storico      la Villa      la storia      la Villa Reale è anche mia
scorcio della biblioteca personale di Umberto I° e di Margherita di SavoiaSala del trono di Umberto I°: Era la sala di ricevimento del re. La volta è decorata con stucchi in stile barocco, con al centro, inserito in cornice, un piccolo affresco rappresentante “Apollo tra le nubi”. Il disegno del parquet riprende semplificato lo stucco della volta. La boiserie presenta nello zoccolo riquadri dorati con cornici a rilievo.
Delle tre porte, una, monumentale, presenta una cimasa e fogliami in cui s'impone un mascherone di gusto seicentesco; nell'ovale superiore era situato forse un dipinto o uno stemma sabaudo. Il camino è a marmi policromi in stile seicentesco con fondale di mattonelle a fiori ed è caratterizzato da un parascintille in bronzo dorato e traforato in stile “Luigi XV”.

Studio: la tappezzeria d’epoca della sala è di seta a ghirlande di fiori su fondo crème, in stile “Luigi XVI”. La boiserie laccata grigio perla è l’unica originale negli appartamenti rispetto all’epoca umbertina; il tono grigio azzurro caratterizza anche le porte e le soprapporte, come pure la volta a stucchi. La decorazione è a motivi “rocaille”, mentre il camino è in stile barocco. Le decorazioni del pavimento ligneo si specchiano in quelle della volta.


l'alcova, uno dei due ambienti in cui era suddivisa la stanza dove dormiva Umberto I° - sullo sfondo si scorge la grande vetrina in mogano liscio dell'armeriaLa camera da letto: é divisa in due ambienti da due plinti su cui poggiano una colonna e una semicolonna con capitello addossata a pilastri; il fusto scanalato delle colonne è caratterizzato da ghirlande di fiori dorate. La tappezzeria é di seta celeste ornata da gallone doppio di seta crème: manca la mantovana nella parte superiore. Nello zoccolo, la boiserie si presenta a riquadri dorati, mentre sulle porte, sui due pilastri laterali e sulla trabeazione si inscrivono motivi “rocaille” dorati, così come nei due soffitti, con medaglioni femminili agli angoli. Le due soprapporte presentano, sotto un padiglione dorato, l'antico stemma sabaudo. Il camino è in stile barocco con parascintille in bronzo dorato.
Nell’alcova è collocato il letto del re, “con fusto in legno a contorni festonati in stile Luigi XV con cimasa da capo a conchiglia, tutto dorato, avente imbottitura e coperto in stoffa seta celeste ... con ricchi ornati di gallone seta crème a ricamo in stile ... una sopraccoperta... di stoffa seta celeste ... a contorno festonato con ornati di gallone dello stile ... con suo copricuscino simile”. Il letto è accompagnato da sei poltrone a braccioli di legno festonato e laccato bianco con intagli in stile “Luigi XV” e ricoperte di stoffa celeste ornata da gallone.




incassata in una pedana a due scalini la vasca da bagno che presenta una nicchia in marmo di Siena - gli inserti che impreziosiscono il pavimento e lo zoccolo della parete in mattonelle policrome a fiori sono eseguite in alabastroLa sala da bagno: la tappezzeria della sala è in velluto a fiori color ocra; gli ornati floreali non sono propriamente liberty ma appartengono a quella fase ispirata ai modelli inglesi e alle decorazioni di origine gotico-preraffaellita, che precorre, e, se si vuole, inaugura il vero e proprio liberty. Il pavimento e lo zoccolo della parete sono a mattonelle policrome a fiori con inserti di marmo giallo di Siena. Le formelle dette “riggìole” furono realizzate dalle Scuole Officine di Napoli su disegno di Filippo Palazzi nel 1882 e apposte quale rivestimento nel bagno nel 1896., per un prezzo di una lira e cinquanta centesimi per ciascuna piastrella. La vasca incassata in una pedana a due scalini presenta una nicchia a trompe-l’oeil d’alabastro. Il corpo del sovrano, dopo la sua uccisione il 29 luglio 1900, fu conservato qui per circa una settimana. Il lavabo monumentale è in legno laccato bianco in stile “Luigi XV”. Anche il camino di questa stanza è barocco, con parascintille in bronzo traforato e dorato.

il guardaroba di Umberto I° - l'armadio e il tavolo, laccati a pastello bianco, presentano decorazioni a rocailleIl guardaroba: Nel primo dei due ambienti guardaroba è presente tappezzeria di damasco cremisi con l’immagine di un’aquila spiegata che porta lo scudo di Savoia antica. La volta è decorata con stucchi.
Particolare è il grande armadio a cinque battenti fisso alla parete, laccato pastello con decorazioni “rocaille”, così pure porte e soprapporte. Le ultime due ante dell'armadio servono da porta di passaggio ad una scaletta interna che scende al piano terreno.





L'armeria: La volta della stanza è a stucchi con ghirlande di fiori sulla cornice perimetrale. Una grande vetrina di mogano liscio, in cui il re custodiva la sua ricchissima collezione di armi, occupa interamente due pareti della sala. Il grande bancone di mogano a cassetti raccoglieva invece tutte le munizioni.
Le preziose armi di Umberto I subirono una lenta dispersione e finrono in altre proprietà della Real Casa dopo la dismissione della Villa.
La caccia era sicuramente lo sport preferito dal re: il Parco era la sua riserva di caccia e l’Armeria conservava certamente i cimeli delle sue battute.


altre foto
la Villa Reale è anche mia Comitato "La Villa Reale è anche mia" - tel 039 382147   039 324204
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS
Ci scrivono i visitatori della Villa Reale, evidenziandoci le loro impressioni e le loro perplessità.
Invitiamo tutti a farlo scrivendoci dalla pagina dei contatti.
Con il motore di ricerca interno puoi cercare le informazioni che desideri nelle pagine del nostro sito web.
Scrivi una parola (o una frase) nel box qua sotto e fai click su cerca.

CHIUDI
logo del "Comitato per il Parco A. Cederna"